Si torna a parlare di Meizu Pro 7, uno smartphone Android di cui si sta discutendo con una certa costanza nelle ultime settimane, anche in virtù di una dotazione di serie caratterizzata dall’inusuale presenza di uno schermo secondario posizionato sulla back cover.

Le notizie più recenti sul terminale riguardano la conferma della data di presentazione, fissata per il 26 luglio prossimo. L’informazione è contenuta in un invito stampa recentemente diffuso in rete e conferma le indiscrezioni diffuse a fine giugno che avevano fatto riferimento alla stessa data.

Trapelate in rete anche alcune foto del presunto press kit che mostrano un modellino del terminale (per completezza di informazione, si segnala che la fonte ha successivamente rimosso le immagini).

Ad avvalorare ulteriormente l’ipotesi dell’imminente presentazione è poi interventuo Ard Boudeling, Responsabile Global Marketing di Meizu.

Tra poco più di una settimana sarà quindi possibile scoprire tutti i dettagli ufficiali sullo smartphone, compresi quelli che sono tuttora controversi, come il fornitore del SoC (non dovrebbe essere un Mediatek, come prospettato inizialmente, ma un Exynos o uno Snapdragon). Precedenti indiscrezioni suggerito l’arrivo di una duplice variante del terminale – una “normale” e una Plus – differenziate in base alla dimensione dello schermo.

(0)

Tra tutte le novità che Flyme 6 ha portato sul sistema operativo dei device Meizu ci sono le nuove modalità d’uso, che renderanno la user experience degli smartphone Meizu ancora più interessante.

La prima è la modalità bambino.
Con questa modalità è possibile affidare il nostro dispositivo ai bambini senza nessun timore che possano accedere ai nostri file riservati o alle applicazioni. È possibile impostare un limite di utilizzo e attivare un blocco che entra in funzione al raggiungimento di una determinata percentuale della batteria.

Altra importante modalità è quella privacy. Con quest’ultima è possibile avere sul proprio device uno spazio “privato” per contatti, foto, video, musica, applicazioni, documenti.
Tutti i contenuti caricati in “modalità privacy” non sono accessibili dalle altre modalità del device e restano quindi privati.

E per ultima la modalità ospite.
Questa nuova modalità è utilissima per mostrare e far provare il nostro dispositivo ad amici e parenti, senza aver paura che possano accedere ai nostri contenuti privati. Funziona come se il device fosse in modalità demo: ci sono soltanto le applicazioni della Flyme, non è presente il Play Store ed è anche possibile bloccare la SIM, inibendo l’utilizzo delle applicazioni telefono e messaggi.

Con Flyme 6, inoltre, sono state semplificate le impostazioni energetiche grazie all’introduzione di due nuove modalità.
La prima è la modalità bassa energia. Grazie a One Mind questa modalità limiterà le funzionalità del dispositivo in modo intelligente e personalizzato. In questo modo si potrà usare il dispositivo anche con una percentuale di batteria critica.

Per le situazioni di emergenza, invece, possiamo utilizzare la modalità super risparmio. Questa modalità imposterà l’interfaccia del dispositivo in bianco e nero e disabiliterà GPS, Bluetooth e tutte le funzionalità che incidono in maniera particolare sulla percentuale della batteria.

Non perderti i prossimi Flyme Tips per rimanere aggiornato di tutte le funzionalità introdotte dall’aggiornamento del sistema operativo!

(0)
preloader